MINIMALMARBLE

SCULPTURES & DESIGN

FABIO BERNASCONI

Fabio Bernasconi nasce a Sorengo, in Ticino, nel 1980.

 

Cresce a Fescoggia, piccolo villaggio dell’Alto Malcantone, regione conosciuta in passato per gli abili gessatori e stuccatori che lasciarono le loro impronte in vari luoghi dell’Europa e del Mondo.

Una terra, l’Alto Malcantone, che ispira Fabio Bernasconi sin dall’adolescenza avvicinandolo gradualmente al mondo dell’arte. Anche l’ambiente familiare è determinante: storia, viaggi, letteratura e musica – ma soprattutto dialogo e valori – influenzano profondamente la sua crescita personale.

 

Nel 1999 compie un lungo viaggio in India dove riceve i primi insegnamenti di scultura nei laboratori e nelle cave del Tamil Nadu e del Rajasthan.

Di ritorno in Svizzera, nel 2002, si diploma al Centro Scolastico per le Industrie Artistiche (CSIA) di Lugano.

Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Carrara (Italia) e parallelamente segue un corso di scultura ad Arzo (Svizzera).

 

In seguito si trasferisce a Colonnata, nei pressi di Carrara, patria del famoso marmo bianco, dove conosce lo scultore Veraldo Del Sarto, figura chiave per la sua crescita artistica e personale.

Grazie a Del Sarto, entra “a bottega” nel laboratorio artistico dei Gemelli Lorenzini avviando un’intensa attività formativa, tecnica e creativa.

Diventa inoltre assistente dello scultore costaricano Jorge Jimenez Deredia, sodalizio che durerà circa tre anni.

 

Nel 2011 partecipa al Salon d’Automne di Parigi dove gli viene assegnato il prestigioso "premio Edouard-Marcel Sandoz” conferito dalla Fondazione Taylor per l’opera “Interstellar Overdrive”.

 

Nel 2013 apre il laboratorio artistico “La Romantica”, in Ticino, continuando però a frequentare i laboratori e gli amici di Carrara.

 

Nel 2014 comincia a dedicarsi anche al design, dove la pietra resta protagonista incondizionata.

Nel 2019, nell'ambito del concorso di arte monumentale indetto da "Ponte Magico", si aggiudica il primo premio con l'opera "Passaggi di tempo", a Lavena-Ponte Tresa (Italia).

© 2016 MINIMALMARBLE